lunedì 15 agosto 2011

Diario di bordo - 14 agosto 2011

Alle 0845 passiamo su Akis a prendere Francy per fare un giro in paese.
È molto povero ma simpatico; ci sono un asinello e tanti banchetti che vendono prodotti "locali".
Facciamo colazione da "Ante": ottimo il caffè, ottime le vrioches, ottime le cameriere.
Partiamo alla volta di Iz, ma c'è poco vento e navighiamo poco a vela.
Spettacolare e pericoloso il passaggio di Katina, scavato con le mine (quello a sud ha poco fondale); Pusty timona e ci infiliamo al seguito dei Bertoli, che voi deviano verso Sali alla ricerca di lenti per Francesca.
Ci ancoriamo tra Iz e Knezak, dove l'acqua è bella ma c'è una forte corrente; mettiamo su una pasta e siamo raggiunti da Akis.
Poco dopo dei charte se ne vanno e ci togliamo dal canale, spostandoci di più verso Iz.
A terra c'è vita, ed anche una chiesa paleocristiana con tombe scoperte che però viene visitata solo dai Bertoli senior.
Pusty va a fare crepes con Francesca, mentre su Akis ed Enterprise si controllano i motori perché entra acqua.
Papà Bertoli viene ad ispezionare anche il nostro, e poi tutti insieme facciamo l'aperitivo su Enterprise.
Per cena era previsto cous cous, ma non troviamo la terza scatola, e ripieghiamo su un riso pronto.
Accendiamo il motore per caricare la batterie e la bardita si manifesta: dal ritorno del vaso d'espansione (risolto accorciando il tubo) e copiosamente dalla girante, riparata dal meccanico prima di partire a caro prezzo---Giorgio è furioso.
Prima di dormire ci guardiamo un pezzo di "Austin Powers 1".

Posta un commento