lunedì 29 ottobre 2007

Proteste e Comunicazione

Questo pomeriggio andando al corso di giapponese ho visto un piccolo assembramento di carabinieri e polizia municipale in piazza Unità; ho archiviato la cosa come "strana" e non ci ho pensato più.
Finito il corso, che si tiene al Liceo Dante, ho trovato un piccolo gruppo di manifestanti in Via Carducci, piazzati strategicamente in modo da bloccare il traffico da via Valdirivo a piazza Oberdan; l'unica cosa che si vedeva erano dei grandi cartelli con su scritto "FERRIERA" e "DIPIAZZA PINOCCHIO", accompagnati da qualche tamburo improvvisato ed il tutto circondato dalle forze dell'ordine di cui sopra. Mi sono subito chiesto: ma erano a favore della chiusura o del mantenimento della ferriera????
Leggendo poi da vicino (tanto c'erano famiglie con bambini, tricicli, ecc) ritengo volessero chiuderla, ma non ho visto alcun cartello chiaro. Gli servirebbe un esperto di comunicazione!

Ne approfitto per fare alcuni commenti personali:
1) Istintivamente ritengo che la ferriera faccia male alla salute
2) Realisticamente puzza ed è brutta da vedere
3) Chi ha comprato la casa in quel quartiere SAPEVA cha c'era la ferriera, e per questo ha pagato la casa poco. Forse era meglio spendere lo stesso e comprare in zone più salubri, magari senza la vista mare.
4) Chi lavora alla ferriera... beh, troverà un altro lavoro se viene chiusa; solo lo smaltellamento della fabbrica porterebbe via anni ed anni di lavoro, per non parlare delle bonifiche. E poi, non sarebbe meglio pagargli la cassa integrazione e vivere in una città senza quel complesso da fine ottocento? La sola vendita del terreno su cui sorge la ferriera dovrebbe pagare ampiamente gli stipendi persi di tutti i dipendenti, diretti od indiretti che siano.

O no?

Posta un commento