martedì 20 novembre 2007

Beowulf e 3D

Domenica sera siamo andati a vedere Beowulf al cinecity di Trieste. Reclamizzato ovunque come la prima esperienza di cinema 3D elettronico, è stato una grossa delusione del punto di vista tecnologico: mentre i cartelloni parlavano di "occhiali controllati da una centralina che, tramite l'invio di raggi IR, oscurano rapidamente prima un occhio e poi l'altro", alla fin fine ci hanno dato dei normalissimi occhialini rosso/verde, facendoci pagare un noleggio di 1€.

Io ero seduto sul bordo estremo della sala, e:
1) le luci laterali dei gradini si riflettevano all'interno di questi occhiali plasticosi, creando MOLTO fastidio (cosa che con i miei occhiali da vista non accade)
2) guardare lo schermo dava fastidio, faceva male ad un occhio - nel mio caso il destro e stavo alla sinistra della sala, ma la stessa cosa è capitata ad altri amici che erano presenti alla proiezione.

Per quanto riguarda il 3D, direi che è totalmente inutile se l'oggetto più vicino risiede sulla superficie dello schermo, in quanto il mio cervello è già abituato di suo ad immaginare come tridimensionali gli oggetti ivi proiettati. E', invece, molto efficace quando l'oggetto appare DAVANTI allo schermo: peccato che la cosa accada raramente, nonostante porti ottimi risultati - come una pioggia di frecce o una lancia puntata che sembra sfiorare la fronte dell'osservatore; l'effetto di maggior successo è una scena di volo in cui si ha l'impressione (confermata anche da mio fratello) di andare a sbattere contro un albero, che anche io sulla poltrona ho istintivamente e prontamente schivato.

Il film nel complesso non era male; mi sono accorto di non ricordare più quanto studiato al Liceo (la prof. Tominich era ossessionata da Beowulf, mi ricordo che un mio compagno di classe fu interrogato sulla materia all'infinito...).

In sintesi: TRUFFA! non è vero che vi danno occhialini elettronici! ma alcuni effetti meritano; se dovete andare a vederlo scegliete assolutamente una poltrona centrale e sul fondo della sala, altrimenti la cosa è fastidiosa!

P.S.: non ho messo la foto di Giulia con gli occhiali 3D non per pietà o sprezzo, ma perché è venuta male!

Posta un commento